Indagine nei confronti dell’azienda Cryo-Save

18.09.2019

Comunicazione del 13.09.2019 – Integrazione importante  

In data 13.09.2019 Swissmedic ha pubblicato una comunicazione riguardo a un procedimento penale avviato nei confronti dell’azienda Cryo-Save SA da parte del Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). Il testo introduttivo potrebbe lasciare ad intendere che l’azienda si sia resa colpevole. È solo ed esclusivamente compito dei tribunali giudicare l’eventuale colpevolezza dell’azienda Cryo-Save SA e dei rispettivi rappresentanti.

L’Istituto svizzero per gli agenti terapeutici si scusa per la formulazione equivoca, che nel frattempo è stata corretta, e prende le distanze da ogni possibile pregiudizio. Le indagini sono ancora in fase iniziale. Per l’azienda Cryo-Save SA vige pertanto la presunzione di innocenza.

 

Informazioni complementari

In Svizzera l’impiego di cellule staminali provenienti da sangue e tessuti del cordone ombelicale è regolamentato dalla legge sui trapianti e dalla legge sugli agenti terapeutici. Per le banche del sangue del cordone ombelicale vigono specifici obblighi di notifica e di autorizzazione, nonché requisiti relativi alla qualità della conservazione e alla sicurezza delle cellule staminali conservate. La sorveglianza spetta all’UFSP e a Swissmedic. La conservazione di sangue del cordone ombelicale presso una banca del cordone ombelicale avviene invece sulla base del diritto privato.

Ultima modifica 18.09.2019

Inizio pagina