A proposito di Medicrime

A proposito di Medicrime

Con la designazione Medicrime, Swissmedic riunisce tutte le attività nazionali e internazionali di lotta contro la criminalità nel settore degli agenti terapeutici. Tali attività sono tese a garantire che sul mercato in Svizzera siano disponibili solo medicamenti e dispositivi medici sicuri e legalmente commercializzabili e che il traffico illegale di agenti terapeutici sia combattuto tanto a livello nazionale quanto mondiale. A tal fine Swissmedic lavora in stretta collaborazione con altre autorità d’esecuzione, come la dogana, la polizia e i servizi cantonali preposti al controllo degli agenti terapeutici.

In Svizzera sono vietati il commercio, l’uso e la vendita di agenti terapeutici illegali, in particolare anche via Internet. Se necessario, vengono avviati procedimenti penali.

Swissmedic funge da SPOC (Single Point of Contact) nazionale. In collaborazione con la dogana e le autorità cantonali, Swissmedic sorveglia l’importazione di medicamenti da parte di aziende, utilizzatori professionali e privati.

Le informazioni sull’origine dei medicamenti illegali vengono scambiate con le autorità partner internazionali, allo scopo di contenerne la fabbricazione e il commercio a livello mondiale.

Convenzione Medicrime

La convenzione Medicrime è una convenzione del Consiglio d’Europa sulla contraffazione di agenti terapeutici e reati simili che comportano una minaccia per la salute pubblica.

La Convenzione Medicrime, elaborata dal Consiglio d’Europa e per la quale la Svizzera è fortemente impegnata, è il primo strumento giuridico internazionale volto a ostacolare il traffico illegale di medicamenti. Gli Stati contraenti, tra cui la Svizzera, si impegnano a estendere i reati di fabbricazione, offerta e traffico di agenti terapeutici contraffatti. Si stima che ogni anno arrivino in Svizzera circa 20 000 spedizioni illegali di medicamenti.

La Convenzione impone agli Stati contraenti di considerare reati le seguenti fattispecie:

  • fabbricazione di medicamenti contraffatti;
  • fornitura, offerta di fornitura o traffico illegale di prodotti medici contraffatti;
  • contraffazione di documenti;
  • fabbricazione e fornitura di prodotti medici senza omologazione nonché commercializzazione di medicamenti non conformi agli standard industriali.

La Svizzera ha firmato la Convenzione nel 2011 e l’ha ratificata il 1° gennaio 2019, mettendo così a disposizione un ulteriore strumento per intensificare la lotta nazionale e internazionale contro le contraffazioni di agenti terapeutici.

 

Punto di contatto nazionale per i medicamenti contraffatti in Svizzera (SPOC)

Conformemente alla Convenzione Medicrime e con l’entrata in vigore della nuova legge sugli agenti terapeutici (LATer) il 1° gennaio 2019, Swissmedic è stato designato quale servizio centrale e punto di contatto nazionale ai sensi dell’articolo 69 capoverso 4 LATer. Nel contesto internazionale si parla in tal caso di «Single Point Of Contact» (SPOC).

Già da anni Swissmedic ha sviluppato il suo ruolo di SPOC che ora, con l’adeguamento della legislazione, è stato sancito anche dalla legge. La collaborazione con i punti di contatto della Direzione generale delle dogane, dell’Ufficio federale di polizia fedpol e di altri stakeholder viene ulteriormente consolidata.

Oltre alla sua funzione nazionale, il ruolo di SPOC comprende anche la collaborazione internazionale in materia di prevenzione e altre misure amministrative, come lo scambio di informazioni su casi specifici e la partecipazione a vari organismi internazionali e gruppi di lavoro.

Gli organismi internazionali (con link ad altri siti con organizzazioni) hanno creato reti di interlocutori internazionali (elenchi di SPOC a livello europeo e globale), che vengono costantemente aggiornate, consentendo così una comunicazione rapida in caso di contraffazioni che mettono in pericolo la salute o di altri traffici illeciti. 

 

Avvisi internazionali sui prodotti – Banche dati sui prodotti

Swissmedic, il punto di contatto nazionale per i medicamenti illegali, garantisce l’accesso alle informazioni internazionali su contraffazioni e altri prodotti illegali. Swissmedic riceve notifiche su prodotti illegali da parte di autorità internazionali, le controlla, se necessario adotta misure correttive oppure trasmette le notifiche ai servizi competenti.  

Swissmedic ha svolto un ruolo chiave nella creazione della banca dati europea dei prodotti Know-X (l’accesso è riservato agli interlocutori di riferimento delle autorità).

Know-X contiene informazioni specifiche sui medicamenti contraffatti, ad esempio informazioni concernenti i risultati delle analisi, le misure adottate, le autorità coinvolte e i pericoli per la salute di un prodotto.

https://www.edqm.eu/en/edqm-know-x-database

Le informazioni contenute nella banca dati provengono da varie fonti (ad es. OMCL, autorità sanitarie, autorità di regolamentazione, autorità di sorveglianza dei dispositivi medici, dogana e polizia) e sono tese a fornire alle autorità competenti aiuti decisionali per la gestione e la prevenzione dei rischi. 

Scambio di informazioni a livello mondiale
Swissmedic intrattiene contatti anche con «SF Medical Products Group». Questo gruppo, che ha sede presso l’OMS, riceve notifiche internazionali sulle contraffazioni di medicamenti e le raccoglie in una banca dati. In caso di particolari pericoli per la salute e di rilevanza internazionale, il gruppo invia e pubblica avvisi sui prodotti.

https://www.who.int/medicines/publications/drugalerts/en/

 
 
 
 
 

Ultima modifica 19.07.2019

Inizio pagina